Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Calvaire (F. Du Weltz)

  • Scritto da Orasputin

calvaire locandina

calvaire locandina
Uno degli horror più strani, morbosi e ambigui degli ultimi anni. Novanta minuti lucidi come una sedia elettrica ed un finale spiazzante che apre orizzonti di tristezza e negatività.


Mark è un cantante francese che si esibisce in ospizi ma non disdegna un certo talento. Sperimenta la gavetta in furgone, battendo frazioni durante il periodo natalizio. Causa problemi tecnici una sera si ritrova nei paraggi di un albergo gestito da un vecchio signore. Bartel si fa chiamare. Vive solo, il vecchio Bartel. Sua moglie l’ha lasciato, dolore e reminiscenze gli ingredienti di un’esistenza monotona. A cena esibisce fiero i suoi premi da nostalgico intrattenitore umorista, Mark in cambio gli canta canzoni. Lui serve pietanze, gradisce, applaude. Come prevedibile, pian piano la situazione degenera. Ed ecco che il film prende fuoco, trasformando quelli che appaiono come i soliti clichè di un’evoluzione horror in una miscela incendiaria di sadismo e surrealismo nero. La schizofrenia è dietro l’angolo: minorati mentali in cerca di cani, contadini cacciatori ad inculare vitelli, facce che servono birra, pianisti che intrattengono su danze alienanti.

Ne vien fuori una collettività che ha dimenticato la differenza tra realtà e fantasia. Perdita della percezione. Incredibile, a tal proposito, è la sequenza della taverna malfamata! Il titolo la dice lunga. “Calvaire” è un test spiazzante che schiaffeggia a dovere. “Calvaire” spazza via tutto, stordisce e intacca gli organi recettivi. E’ impossibili non rimanere abbagliati dinanzi a così tanta pazzia, devastazione pronta allo spunto riflessione. Film folle riprese folli, incredibile la saturazione dei colori, la fotografia, l’immedesimazione degli personaggi, le zoommate fangose sui visi. 90 minuti di ambientazione infernale. Fabrice Du Weltz non ha messo una cazzo di donna nel suo film! Partite da qui.

Voto: 8

Info Film:

Francia-Belgio 2004 regia di Fabrice Du Weltz con Laurent Lucas, Philippe Nohan, Jackie Berroyer durata: 90 min Horror, Drammatico