Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Lucca Comics & Games 2010

  • Scritto da Esterina
LUCCA COMICS&GAMES 2010
Osservatrice INTERNA. Impressioni dall’interno di uno stand.
Lucca Comics & Games non è una fiera del fumetto.
È  LA fiera del fumetto.
Lucca Comics & Games non è una mostra.
È LA mostra.
Lucca Comics & Games non è un evento.
È L’evento.
Lucca Comics & Games è la più grande mostra e fiera del fumetto di tutt’Italia. L’evento dell’anno che riesce a smuovere 23 mila appassionati di fumetti solo nella prima delle 4 giornate dedicate al mondo dei supereroi. Un record che viene superato di anno in anno. Nonostante il freddo. E nonostante l’immancabile pioggia che anche quest’anno si è presentata puntuale all’appuntamento. Un pisciatoio di acqua piovana che non è riuscito a fermare l’inarrestabile flusso di amanti, fanatici e curiosi di tutto ciò che è animazione, fumetto e immaginario fantasy e fantascientifico. Un vero e proprio punto di ritrovo per tutti coloro che vogliono vivere qualche giorno di pura follia. Una gabbia di matti per alcuni. Un oasi di pace per altri. Un deposito di soldi per i commercianti. Une festa in maschera per i turisti.
Sicuramente, un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.
E allora: popolo dei supereroi unitevi! Che la festa abbia inizio!
C’è chi si imbacucca di tutto punto con maglioni sciarpe e cappelli per sconfiggere il freddo polare di una giornata autunnale, e chi se ne fotte apertamente e si spoglia di tutti i vestiti del quotidiano per assomigliare almeno un giorno al proprio eroe preferito.
C’è chi spende 400 euro per un cellulare di ultima generazione e chi ne risparmia altrettanti per la collezione completa di Sailor Moon degli anni 90.
C’è chi crede alla realtà dei fatti e chi al mondo della fantasia.
C’è l’appassionato e c’è il disinteressato. C’è lo spendaccione e c’è il parsimonioso. C’è l’onesto e c’è il ladro. Lucca è questo. C’è un po’ di questo e un po’ di quello. E c’è anche quello che non ti aspetti. Un calderone di generi e di stili, di persone e di colori.
Quattro giorni per quattro sezioni.
_Lucca Comics. Lo spazio dedicato ai fumetti e al collezionismo.
_Lucca Games. Il mondo dei giochi in tutte le sue accezioni.
_Lucca Junior. Il settore bambini. Con molteplici attività legate ad iniziative con scuole della regione.
_Music&Comics. La parte musicale dell’evento. Con interessanti performance dal vivo e partecipazioni tra musicisti e disegnatori.
Tanti ospiti e tante rassegne. Quest’anno due sono stati gli ospiti più attesi. Voci di sottofondo che hanno confermato la presenza a Lucca di Alessandro Baricco e Simone Cristicchi. Lo scrittore per la presentazione del suo nuovo romanzo, “Senza Sangue”. Il cantautore per la presentazione della sua prima graphic novel "Li Romani in Russia - Racconto di una Guerra a Millanta mila Miglia". Ma non solo. Ci sono giovani autori che firmano autografi. Disegnatori che propongono le proprie opere. Truccatori pronti a scarabocchiare la tua faccia. E poi ci sono loro. Forse la vera attrazione del Lucca Comics&Games. I cos player. C’è Batman. Spider man. Edward mani di forbici. C’è Alice nel paese delle meraviglie. Il cappellaio matto.  Jack Sparrow. Il signore degli anelli. Ci sono i personaggi manga. E c’è anche chi il travestimento se l’è inventato sul momento.  C’è “Abbracci Gratis” che con un cartello al collo distribuisce affetto gratuito tra gli stand. E “Cartone Animato” che con un cartone in testa strappa un sorriso al fiume di persone che si aggirano tra i vari padiglioni distribuiti nella città toscana. E poi ci sono gli immancabili scatti dei flash. Per catturare ciò che accade. Per  immortalarsi insieme a un supereroe. Per non dimenticarsi del Lucca Comics & Games.
Ma a dire la verità, è difficile dimenticarsi di un tale evento. Di giornate così intense e allo stesso tempo così stancanti. Ma sempre così piene. Così vere. Giornate che riempiono il cuore. Che ti fanno felice. Che ti mettono  di buon’umore. Vendere un fumetto ad un appassionato è un po’ come immergere un dito in un vasetto di Nutella. Estasi pura. Sia per il commerciante che per il cliente. Si compie una buona azione. Si regala felicità. Si è soddisfatti del proprio acquisto. Tutti felici e contenti. Come nel più bel lieto fine di un cartone animato. E allora attrezzatevi sin da subito. Perché mancano solo 363 giorni al Lucca Comics & Games 2011.

Lucca 2010

Lucca 2010 - Lucca 2010
Lucca Comics & Games non è una fiera del fumetto. È  LA fiera del fumetto. Lucca Comics & Games non è una mostra. È LA mostra.Lucca Comics & Games non è un evento. È L’evento.

pag 1/2: successiva

Lucca Comics & Games è la più grande mostra e fiera del fumetto di tutt’Italia. L’evento dell’anno che riesce a smuovere 23 mila appassionati di fumetti solo nella prima delle 4 giornate dedicate al mondo dei supereroi. Un record che viene superato di anno in anno. Nonostante il freddo. E nonostante l’immancabile pioggia che anche quest’anno si è presentata puntuale all’appuntamento. Un pisciatoio di acqua piovana che non è riuscito a fermare l’inarrestabile flusso di amanti, fanatici e curiosi di tutto ciò che è animazione, fumetto e immaginario fantasy e fantascientifico. Un vero e proprio punto di ritrovo per tutti coloro che vogliono vivere qualche giorno di pura follia. Una gabbia di matti per alcuni. Un oasi di pace per altri. Un deposito di soldi per i commercianti. Une festa in maschera per i turisti.

Sicuramente, un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

E allora: popolo dei supereroi unitevi! Che la festa abbia inizio!

C’è chi si imbacucca di tutto punto con maglioni sciarpe e cappelli per sconfiggere il freddo polare di una giornata autunnale, e chi se ne fotte apertamente e si spoglia di tutti i vestiti del quotidiano per assomigliare almeno un giorno al proprio eroe preferito.

C’è chi spende 400 euro per un cellulare di ultima generazione e chi ne risparmia altrettanti per la collezione completa di Sailor Moon degli anni 90.

C’è chi crede alla realtà dei fatti e chi al mondo della fantasia.

C’è l’appassionato e c’è il disinteressato. C’è lo spendaccione e c’è il parsimonioso. C’è l’onesto e c’è il ladro. Lucca è questo. C’è un po’ di questo e un po’ di quello. E c’è anche quello che non ti aspetti. Un calderone di generi e di stili, di persone e di colori.

Quattro giorni per quattro sezioni.

- Lucca Comics. Lo spazio dedicato ai fumetti e al collezionismo.

- Lucca Games. Il mondo dei giochi in tutte le sue accezioni.

- Lucca Junior. Il settore bambini. Con molteplici attività legate ad iniziative con scuole della regione.

- Music&Comics. La parte musicale dell’evento. Con interessanti performance dal vivo e partecipazioni tra musicisti e disegnatori.

Tanti ospiti e tante rassegne. Quest’anno due sono stati gli ospiti più attesi. Voci di sottofondo che hanno confermato la presenza a Lucca di Alessandro Baricco e Simone Cristicchi. Lo scrittore per la presentazione del suo nuovo romanzo, “Senza Sangue”. Il cantautore per la presentazione della sua prima graphic novel "Li Romani in Russia-Racconto di una Guerra a Millanta mila Miglia". Ma non solo. Ci sono giovani autori che firmano autografi. Disegnatori che propongono le proprie opere. Truccatori pronti a scarabocchiare la tua faccia. E poi ci sono loro. Forse la vera attrazione del Lucca Comics&Games. I cos player. C’è Batman. Spider man. Edward mani di forbici. C’è Alice nel paese delle meraviglie. Il cappellaio matto. Jack Sparrow. Il signore degli anelli. Ci sono i personaggi manga. E c’è anche chi il travestimento se l’è inventato sul momento.  C’è “Abbracci Gratis” che con un cartello al collo distribuisce affetto gratuito tra gli stand. E “Cartone Animato” che con un cartone in testa strappa un sorriso al fiume di persone che si aggirano tra i vari padiglioni distribuiti nella città toscana. E poi ci sono gli immancabili scatti dei flash. Per catturare ciò che accade. Per immortalarsi insieme a un supereroe. Per non dimenticarsi del Lucca Comics & Games.

Ma a dire la verità, è difficile dimenticarsi di un tale evento. Di giornate così intense e allo stesso tempo così stancanti. Ma sempre così piene. Così vere. Giornate che riempiono il cuore. Che ti fanno felice. Che ti mettono  di buon’umore. Vendere un fumetto ad un appassionato è un po’ come immergere un dito in un vasetto di Nutella. Estasi pura. Sia per il commerciante che per il cliente. Si compie una buona azione. Si regala felicità. Si è soddisfatti del proprio acquisto. Tutti felici e contenti. Come nel più bel lieto fine di un cartone animato. E allora attrezzatevi sin da subito. Perché mancano solo 363 giorni al Lucca Comics & Games 2011.

 

 

pag 1/2: successiva