Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

FUNTHOMAS Festival 2015 @ Rimini, Velvet, 03 Aprile 2015

  • Scritto da Enrico Tallarini
afterhours_velvet
Il Velvet, ed è naturale partire da qui, è un locale di cui conosco a memoria ogni spigolo, ogni centimetro quadrato. È stato per anni quasi una mia seconda casa, in cui sfogare le nevrosi accumulate durante la settimana a suon di concerti che, e lo scoprirai dopo, ti cambieranno per sempre la vita.

Un punto di riferimento assoluto che ha creato e cresciuto una generazione intera di “rocker”, e che ha portato in Romagna la storia ed il meglio della musica mondiale; un'oasi sperduta nella campagna a due passi dal mare ma distante anni luce dal suo sterile intrattenimento balneare.

E stasera è una serata speciale: il Velvet si stringe per festeggiare il compleanno di Thomas Balsamini, direttore artistico e storico fondatore del club riminese scomparso nel 2013; l'uomo che ha reso possibile questa avventura.

Dopo la reunion dei Bluvertigo dello scorso anno, la seconda edizione del Funthomas Festival ospita una manciata di artisti da sempre legati al mitico rock club: Afterhours, Cristina Donà e, seppur in versione dj set, i Subsonica, le cui storie si sono ripetutamente intrecciate a quella del Velvet.

Tocca all'elettronica di Godblesscomputers aprire la serata, prima dell'arrivo sul palco di Cristina Donà, in versione due chitarre, elegante e suggestiva come sempre, che ammalia il pubblico del Velvet con una grinta e una voce strepitose. “Stelle Buone”, “Universo”, “Invisibile”, “Ho Sempre Me”, il duetto con Samuel dei Subsonica in “Triathlon” fanno il resto, mentre la sala la riempie di applausi e si prepara il palco per l'arrivo degli Afterhours.

Manuel Agnelli e compagni, con l'organico stravolto e l'aggiunta di Fabio Rondanini e Stefano Pilia, portano stasera degli estratti dal “Io Chi Sono Tour” teatrale di qualche mese fa, e regalano, nonostante una scaletta poco a fuoco, un concerto intenso, grazie anche ai volumi disumani e ad un pubblico vitale e partecipe.

“Questa Thomas la suonava sempre nelle sue serate. Stasera noi la suoniamo per lui”: così si anticipa “Male di Miele”, con il Velvet che diventa una bolgia mentre si avvicina il gran finale. Ci pensano “Voglio Una Pelle Splendida”, a due voci con Samuel Romano e “Dentro Marilyn”, cantata splendidamente da Cristina Donà, a farci fare un tuffo nel passato e a chiudere a suon di brividi la parte live della serata, che continuerà con i Subsonica e il loro dj set, per far muovere ancora un po' le gambe alla notte riminese.

Sfuma così un altro di quegli eventi da marchiare a fuoco nella storia del Velvet.

Non conosco nessuno che abbia mai avuto una festa di compleanno così bella...” leggo sbirciando per la Rete.

Poco ma sicuro. Ed è il minimo che si possa fare.

Buon compleanno Thomas, e lunga vita al Velvet.