Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I migliori album Industrial

“Industrial” è il termine coniato da Genesis P-Orridge per definire la musica adatta a risvegliare (o lobotomizzare) le menti delle masse moderne, sottoposte a rumori, urla ed effetti di ogni tipo. Siamo nel 1977 e l'irripetibile vicenda dei Throbbling Gristle erigerà le basi di un movimento, tra i più abrasivi e complessi della storia della musica.

A molti la parola Industrial ricorderà semplicemente una catena di ritmi ossessivi prodotti da strani individui dediti al Sadomaso o ad altre perversioni, in realtà si tratta di un vero e proprio metodo sperimentale che riesce nell'intento di mischiare il teatro avanguardistico, tecniche letterarie come il “cut-up” insieme all'Elettronica, il Punk e in tempi più recenti anche il Metal. In poche parole si tratta del terreno su cui alcune delle menti più radicali e intelligenti della scena artistica di fine anni '70 ha posto le basi per far germinare un seme che seppur con diverse derivazioni e contaminazioni ha influenzato gli ultimi 30 anni della derive più estreme del Rock.

Con questa classifica vogliamo rendere onore ai padri fondatori senza dimenticare le commistioni con l'Electro, l'Hard Rock, l'Heavy Metal e il Goth.

Dall'Europa dell'EBM ai Nine Inch Nails, passando per i Ministry, gli Swans, i primi Current 93 e tantissimi altri, un genere che non conosce confini geografici e soprattutto stilistici. Buon approfondimento!

1. Throbbling Gristle: “Second Annual Report” (1977)

2. Einsturzende Neubaten: “Kollaps” (1981)

3. Scraping Foetus Off the Wheel: “Nail” (1985)

4. Cabaret Voltaire: “Mix Up” (1978)

5. Coil: “Horse Rotorvator” (1986)

6. Nine Inch Nails: “The Downward Spiral” (1994)

7. Swans: “Children of God“ (1987)

8. Chrome: “Half Machine Lip Moves” (1979)

9. Godflesh: “Streetcleaner” (1989)

10. Ministry: “Psalm 69: The Way to Succeed and the Way to Suck Eggs” (1992)

 

11. SPK: “Leichenschrei” (1983)

12. D.A.F.: “Alles is Gut” (1981)

13. Current 93: “Nature Unveiled” (1984)

14. Nurse with Wound: “Thunder Perfect Time” (1992)

15. The Young Gods: “L'Eau Rouge” (1989)

16. Clock DVA: “Advantage” (1983)

17. Zoviet*France: “Popular Soviet Songs and Youth Music” (1985)

18. Monte Casazza: “The Worst of Monte Casazza” (1992)

19. Fear Factory: “Demanufacture” (1995)

20. Skinny Puppy: “Bites” (1985)

 

21. White Zombie: "La sexorcisto: Devil Music, vol 1" (1992)

22. Front 242: “Geography” (1982)

23. Marilyn Manson: “Antichrist Superstar” (1996)

24. Pankow: “Freiheit fur die Sklaven” (1987)

25. Wumpscut: “Bunkertor 7” (1995)

26. KMFDM: “Naive” (1992)

27. Cop Shoot Cop: “Consumer Revolts” (1990)

28. Z'EV: “Elemental Music” (1982)

29. Boyd Rice: “Blood & Flame” (1987)

30. Front Line Assembly: “State of Mind” (1988)

31. Maurizio Bianchi: “Carcinosi” (1983)

 

32. Rammstein: “Sehnsucht” (1997)

33. Laibach: “Laibach” (1985)

34. Treponem Pal: “Excess and Overdrive” (1993)

35. Die Form: “Die Puppe” (1982)

 

 

Articoli correlati:

- I migliori dischi No Wave

- I migliori album Noise Rock