Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I Migliori dischi Doom Stoner

  • Scritto da Orasputin

i migliori dischi doom stoner Tralasciando per un attimo gli alieni Blue Cheer, tutto nasce da una mano destra un po’ stravagante, quella di Toni Iommi, chitarrista dei Black Sabbath, la band più inquietante e strafatta di tutti i tempi. Complicazione che induce il proto metallaro di Birmingham ad imboccare nuove soluzioni pur di ottenere una resa sonora altrettanto comoda e piacevole. Obbligato ad allentare le corde della chitarra per via di una mano destra che, priva di due falangi, non riesce ad imprimere la giusta forza, Iommi concepisce uno stile che rispecchia un suono cupo, esoterico, penetrante. Un suono che si fa portavoce di una nuova ondata di musicisti, suggestionati tanto dalle pratiche di esoterismo quanto dal consumo di alcool e marijuana. Ottobre 1972, la musica del diavolo imbocca una nuova strada. Adesso si fa chiamare doom (destino), e il suo sacerdote “Master of riffs” o “Diabolus in Musica”. Imbastita di croci argentate, la Gibson SG di Toni Iommi entra ufficialmente nella leggenda. La scena doom prende il sopravvento, personaggi come Lee Dorian (ex Napalm Death) e Wino (l’erede di Ozzy) gettano le basi per la nascita dello stoner rock, un genere che elegge i Kyuss a portabandiera assoluti. Dall’Inghilterra adesso ci troviamo a Palm Desert, California, terra di cactus e sonorità grasse, contorte, psichedeliche. Del nuovo millennio è un disco che tutti conosciamo, “Songs For The Deaf”, la firma quella della band più innovativa e sexy in circolazione, i Queens Of The Stone Age dell’Elvis post moderno Josh Homme. Ultimo ma non in ordine di importanza il revival targato Mastodon, High On Fire e Shrinebuilder, senza tralasciare la pesantissima virata dello sludge metal. Eccovi in pasto un superspeciale sulla scena doom stoner, pietre miliari e capisaldi del genere. Buona lettura e buon ascolto.

I precursori:

- BLUE CHEER: “Vincebus Eruptum” (1968)

- BLACK WIDOW: “Sacrifice” (1970)

- HAWKWIND: “Doremi Fasol Latido” (1972)

- BLACK SABBATH: “Master Of Reality” (1972)

- BLUE OYSTER CULT: “Tiranny and Mutations” (1973)

 

La stagione del doom:

- WITCHFINDER GENERAL: “Death Penalty” (1982)

- TROUBLE: “Psalm 9” (1984)

- SAINT VITUS: “Born Too Late” (1986)

- CANDLEMASS: “ Epicus Moomicus Metallicus” (1986)

- PENTAGRAM: “Day of Reckoning” (1987)

- CATHEDRAL: “The Ethereal Mirror” (1993)

- SLEEP: “Sleep’s Holy Mountain” (1993)

- PARADISE LOST: “Icon” (1993)

- CORROSION OF CONFORMITY: “Deliverance” (1994)

- THE OBSESSED: “The Church Within” (1994)

- MY DYING BRIDE: “the Angel & the Dark River” (1995)

- ELECTRIC WIZARD: “Dopethrone” (2005)

 

La nascita dello stoner rock:

- MASTERS OF REALITY: “Sunrise on the Sufferbus” (1993)

- KYUSS: “Welcome to Sky Valley” (1994)

- FU MANCHU: “In Search Of” (1996)

- MONSTER MAGNET: “Powertrip” (1998)

- UNIDA: “Coping with The Urban coyote” (1999)

- THE ATOMIC BITCHWAX: “The Atomic Bitchwax” (1999)

- SPIRITUAL BEGGARS: “Ad Astra” (2000)

- ORANGE GOBLIN: “The Big Black” (2000)

- NEBULA: “Charged” (2001)

- QUEENS OF THE STONE AGE: "Songs For The Deaf"

- MONDO GENERATOR: “A Drug Problem That Never Existed” (2003)

 

La pesantezza dello Sludge:

- EYEHATEGOD: “In the Name of Suffering” (1992)

- CROWBAR: “Obedience Thru Suffering” (1992)

- EARTH: “2” (1993)

- DOWN: “Nola” (1995)

- ACID BATH: “Paegan Terrorism Tactics” (1996)

- SOILENT GREEN: “Sewn Muoth Secrets” (1998)

- BONGZILLA: “Gateway” (2002)

- SUNN O))): “Monoliths and Dimensions” (2009)

 

Il revival:

- BORIS: “Absolutego” (2001)

- MASTODON: "Leviathan" (2004)

- HIGH ON FIRE: “Death is this Communication” (2007)

- SHRINEBUILDER: “Shrinebuilder” (2009)

- BARONESS: “Blue Records” (2009)

 

La scena italiana:

- PAUL CHAIN: "Alkahest" (1995)

- UFOMAMMUT: “Godlike Snake” (2000)

- STONER KEBAB: “Imber Vulgi” (2008)

- DOOMRAISER: “Erasing the Remembrance” (2009)

- OJM: “Volcano” (2010)

- ZIPPO: "Maktub" (2011)